01/08/2013 - VERSO LA ISO 9001:2015. LA POSIZIONE ITALIANA
I.R.I.P. – Impatti – Relazioni – Interventi - Politiche

Mentre si celebrano 25 anni dalla pubblicazione della prima edizione della norma ISO 9001 (vedi l'articolo 'ISO 9001:2015 and beyond - Preparing for the next 25 years of quality management standards', di Nigel H. Croft, Chair dell'ISO/TC 176/SC 2 'Quality systems'), l’ISO/TC 176 SC 2 è impegnato nella realizzazione delle fondamenta sulle quali costruire la prossima generazione di norme sui sistemi di gestione per la qualità.
Nella visione dell’ISO, i SGQ dovranno essere un elemento fondamentale dello sviluppo sostenibile, non solo riferimenti per ottenere una certificazione bensì strumenti per raggiungere il successo duraturo (e quindi dovrà aumentare il ruolo della ISO 9004).
SC 2 e SC 1 in collaborazione hanno raccolto direttamente dal mercato, da studi sulle tendenze di management e dall’analisi dei dati numerosissimi elementi utili a confermare ed indirizzare la revisione della norma.
Lo scorso giugno a Bilbao è stato proposto un “work item” per la revisione della ISO 9001, una prima proposta di specifiche e la relativa pianificazione. Dal prossimo meeting (San Pietroburgo, 10-17 novembre 2012) inizierà l’attività di stesura della prima bozza.
Per quanto riguarda i tempi di definizione della nuova edizione, sebbene ISO attualmente disponga di procedure accelerate, SC 2 preferisce adottare le tempistiche dell’approccio “standard” che prevedono la conclusione dei lavori entro 3 anni (vedere schema sottostante), anche per tenere conto della necessità di ampi ed approfonditi confronti con le numerose parti interessate.
Considerando il notevole impatto di ogni cambiamento che sarà introdotto nella norma, è già previsto un intenso lavoro di sperimentazione e validazione con la collaborazione di organizzazioni di tutti i settori e operanti in ogni parte del mondo, non appena il documento avrà raggiunto lo stadio di “committee draft”.
L’Italia ha una significativa esperienza nell’applicazione della ISO 9001: è infatti il secondo Paese con il maggior numero di certificati emessi (138.892 al 2 giugno 2012) dopo la Cina.
Inoltre, il sistema economico italiano è caratterizzato dall’enorme numero di microimprese e PMI che inevitabilmente comporta difficoltà nell’ulteriore sviluppo dell’uso efficace e consapevole della norma, date le minori possibilità di investire nell’applicazione dei sistemi di gestione per la qualità (SGQ) rispetto alle organizzazioni di maggiore dimensione. Ciò si è particolarmente evidenziato negli ultimi anni a causa della sfavorevole congiuntura economica.
Dal nostro punto di vista è quindi importante che la nuova edizione della norma sia di più ampia applicazione e più facile da applicare per le PMI e che la sua efficacia venga rinforzata, in modo da fare aumentare il numero di queste imprese che effettivamente possono ottenere vantaggi dall’applicazione della norma.
Questo documento è il contributo della commissione tecnica “Gestione per la qualità e tecniche di supporto” UNI, basato su alcuni recenti studi nazionali (Rapporto ACCREDIA / CENSIS novembre 2011 “Innovazione e modernizzazione di qualità per la crescita del Paese – Il sistema delle certificazioni per la competitività”) e sull’attuale stato di avanzamento dei lavori di revisione della ISO 9001 da parte dell’ISO TC 176.
In generale, sulla base dell’esperienza italiana degli ultimi dieci anni, la revisione della ISO 9001 dovrebbe tenere presenti:
a. i nuovi bisogni (comprese le nuove aspettative dei clienti) scaturiti dai cambiamenti del sistema socioeconomico avvenuti nell’ultimo decennio e che influiranno su di esso in futuro,
b. la necessità di apportare dei miglioramenti, considerando che l’applicazione della norma e i suoi risultati non sono sempre stati all’altezza delle aspettative.
Per quanto riguarda il punto a), è necessario che la nuova norma rifletta la complessità degli scenari nei quali operano le organizzazioni, e nei quali si troveranno ad operare in futuro, in particolare:
1. il SGQ dovrebbe considerare l’intero sistema di esigenze ed aspettative (relativamente all’ambiente, alla sicurezza, alla responsabilità sociale, alla gestione dell’energia, alla privacy…) che proviene dallo specifico contesto in cui opera l’organizzazione ed è riferito alle varie parti interessate. A tal fine, il modello del sistema di gestione dovrebbe essere più flessibile per interagire con altri modelli e tecniche gestionali utilizzati dalle organizzazioni nella loro attività. Considerando che tutti i sistemi di gestione – indipendentemente dalle specifiche applicative – hanno lo scopo comune di eliminare o ridurre i rischi dovuti alla variabilità e complessità del contesto, la nuova edizione della norma dovrà chiaramente contenere elementi di gestione del rischio;
2. i clienti sono sempre più orientati verso la “gratificazione” delle organizzazioni più sensibili nella gestione di problematiche di interesse collettivo, privilegiando l’acquisto dei loro prodotti. Ad esempio, sempre più consumatori al momento della scelta tra due prodotti che hanno le stesse caratteristiche e prestazioni preferiscono scegliere quello realizzato con unapproccio socialmente responsabile. In altre parole, questa tipologia di approccio è sempre più presente tra le aspettative dei clienti e contribuisce in modo crescente nel determinarne le scelte di acquisto. La soddisfazione del cliente, quindi, è collegata a quella di altri stakeholder (la comunità, i dipendenti dell’impresa…).
Per quanto riguarda il punto b), è necessario considerare che – sebbene la ISO 9001 sia la norma tecnica volontaria di maggiore successo nel mondo – tuttavia non ha del tutto soddisfatto le aspettative delle organizzazioni e dei loro clienti, spesso a causa della sua cattiva applicazione e dell’incoerenza con i principi della gestione per la qualità che – tra l’altro – non sono contenuti nell’attuale formulazione della norma.
Dal nostro punto di vista, ciò è dovuto principalmente a:
1. la focalizzazione della norma sugli scopi certificativi e – conseguentemente – l’assegnazione della priorità alla “conformità documentale” (il sistema di gestione è spesso visto – anche dal management stesso – come un mero adempimento burocratico e la gestione formale della qualità è spesso separata e distinta dalle strategie e dagli obiettivi aziendali),
2. la scarsa conoscenza e il ridotto coinvolgimento diretto dei clienti nel SGQ (ciò significa inadeguata comunicazione con i clienti circa gli effettivi benefici dell’applicazione del SGQ e poca o nulla considerazione del ruolo del cliente nelle attività di valutazione e audit del SGQ),
3. la scarsa conoscenza e/o applicazione – da parte del management e degli altri soggetti coinvolti - degli strumenti e dei metodi strutturati per la questione della qualità.
In conseguenza di quanto sopra descritto, in Italia si è verificata una notevole perdita di interesse verso la norma da parte de:
• le organizzazioni stesse che applicano la norma, che – spesso – non trovano una correlazione significativa tra l’applicazione (e certificazione) di un SGQ ISO 9001 e i risultati aziendali;
• i clienti, che non vedono una relazione diretta tra l’applicazione (e certificazione) di un SGQ ISO 9001 e la soddisfazione delle proprie esigenze;
• il contesto nel quale opera l’organizzazione, con il progressivo peggioramento della reputazione della norma (cioè dell’opinione che sia uno strumento “a valore aggiunto”) dentro e fuori l’organizzazione stessa.
Concludendo, se lo scopo della nuova edizione della norma ISO 9001 è:
• essere realmente applicabile da un maggior numero di organizzazioni, comprese le micro e piccole aziende,
• produrre i risultati attesi dalle organizzazioni e dai loro clienti, in quanto strumento efficace per soddisfare le esigenze di questi ultimi,
allora queste sono le linee guida per il cambiamento che dovranno essere considerate nel processo di revisione: in generale l’intero SGQ e i suoi requisiti dovrebbero essere rivisti per aumentare il loro legame con i principi di gestione per la qualità, aumentare il valore percepito per l’organizzazione che l’adotta, per i clienti e per le altre parti interessate.
Più specificamente, ad esempio:
• dovrebbe essere obbligatorio che la politica per la qualità faccia chiaro riferimento al contesto di riferimento, nonché descriva l’approccio generale alla qualità come parte coerente degli orientamenti adottati nei confronti delle aspettative espresse dalle specifiche parti interessate;
• la norma dovrebbe diventare più interessante e più facile da applicare, anche per le micro e piccole organizzazioni. La nuova edizione della norma dovrebbe essere più semplice e chiara, facilmente comprensibile, più breve ed essenziale,
• l’applicazione della norma dovrebbe essere basata sulla reale conoscenza e condivisione dei suoi contenuti e dei metodi applicativi. In questo senso, al testo della norma dovrebbe essere aggiunta un’appendice informativa che:
o spieghi la natura dei principi di gestione per la qualità e come i requisiti del SGQ scaturiscano da essi,
o spieghi il significato e i motivi di ogni requisito,
o indichi possibili metodi applicativi dei requisiti del SGQ, sia per le organizzazioni più piccole e semplici sia per quelle più grandi.
• Bisognerebbe inoltre prevedere requisiti più chiari - con riferimento alla soddisfazione dei requisiti del SGQ e quando appropriato alle tecniche applicative - per garantire il coinvolgimento e la consapevolezza del top management e la competenza del personale coinvolto;
• l’organizzazione dovrebbe includere tra le proprie strategie l’uso efficace del SGQ e dovrebbe evidenziare come le linee strategiche vengono messe in atto all’interno della stessa;
• l’organizzazione dovrebbe indicare quali approcci strutturati, strumenti, etc. intende adottare per soddisfare i requisiti del SGQ;
• l’organizzazione dovrebbe tenere conto – se del caso – di aspetti ed elementi di gestione del rischio a supporto del proprio processo decisionale;
• l’organizzazione dovrebbe informare i propri clienti dei contenuti e del significato del SGQ nonché della possibilità di accertare e valutare alcuni dei suoi elementi.

Fonte: www.uni.com


27/04/2015 - Rinnovabili: imprese italiane protagoniste all’estero

24/04/2015 - Venezia, certificazione “halal” per 17 hotel

19/03/2015 - Meccanica, occupazione e investimenti in ripresa

20/02/2015 - L'Ue spinge l'export made in Italy: balzo a fine anno

16/02/2015 - La “ricetta” di Confindustria : intervenire su internazionalizzazione e innovazione

27/01/2015 - VOUCHER PER MPMI PER L’ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI. LINEA 1.B REGIONE TOSCANA POR FESR 2014-2020

13/01/2015 - Priorità al Made in Italy

16/12/2014 - Pmi, la 'taglia' non limita l'export

21/11/2014 - Islam, il mercato 'halal' è un'opportunità economica. Ma l'Italia è assente

28/10/2014 - Contributi a fondo perduto per PMI in Toscana

20/10/2014 - La partita italiana nel gioco globale

06/10/2014 - Il Prosecco fenomeno globale

17/09/2014 - Ocse: Italia paese 'Pmi-friendly', ma troppe tasse frenano l'espansione

21/07/2014 - L'impegno sociale fa bene all'impresa

16/07/2014 - Certificazione e qualità spingono le imprese dell'agroindustria

03/07/2014 - L'industria del latte perde terreno e punta al mercato halal

01/07/2014 - Bonus investimenti per macchinari e beni strumentali

17/06/2014 - L'Europa spinge l'export italiano

11/06/2014 - Cina: export prodotti italiani a +270%

10/06/2014 - Il (non) vino halal. Buono per tutti

23/05/2014 - IL CARTESIO STUDIO PRESENTA IL CORNELL INSTITUTE OF BUSINESS & TECHNOLOGY DI AUCKLAND AGLI STUDENTI DEL D IPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA DELL’UNIVERSITÀ ROMA TRE

07/05/2014 - PISA 6 MAGGIO 2014 - IL CARTESIO STUDIO HA INCONTRATO GLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI PISA PER PRESENTARE IL CORNELL INSTITUTE OF BUSINESS & TECHNOLOGY DI AUCKLAND

24/04/2014 - IL CARTESIO STUDIO PRESENTA IL CORNELL INSTITUTE OF BUSINESS & TECHNOLOGY DI AUCKLAND AGLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI PISA

22/04/2014 - Il made in Italy farà la differenza nel mondo agricolo

18/04/2014 - Sceicchi pronti a investire in Italia. Non devono però esserci interferenze da parte dei non musulmani, sulla certificazione dei prodotti alimentari Halal

15/04/2014 - Welfare di distretto nelle PMI pratesi

11/04/2014 - La frammentazione del Made in Italy e la battaglia del vino italiano

07/04/2014 - Finanziamenti alle imprese 2014: nuova legge Sabatini, requisiti e procedure

03/04/2014 - Inglesi pazzi per i 'capelli' made in Italy

05/03/2014 - Cibus, definito il programma 2014

26/02/2014 - Crisi e sviluppo: 2 leve per competere

24/02/2014 - La Cina è al primo posto nell'acquisto di oro

21/02/2014 - Il Destinazione Italia è legge: Rinnovabili e incentivi per PMI

17/02/2014 - Il made in Italy sul podio mondiale

05/02/2014 - Italia-Cina: investimenti italiani +29% nel 2013

30/01/2014 - Sorpasso compiuto: ormai il vino rosso si beve più in Cina che in Francia

29/01/2014 - Il parmigiano reggiano punta al 50% di export. Tiene anche il mercato interno

28/01/2014 - Il made in Italy sale sul podio a Sochi

24/01/2014 - Made in Italy: aumentate del 7,1% le esportazioni extra UE

22/01/2014 - Made in Italy, arriva la piattaforma ‘eccellenze alimentari’ di Google

21/01/2014 - Inail, bando ISI: contributi e tempistiche per incentivi alle imprese, domande dal 21 gennaio

17/12/2013 - Cina, la birra fa boom

10/12/2013 - Opportunità di sviluppo a livello europeo: Cosme e Horizon 2020 per rafforzare la competitività delle imprese

06/12/2013 - Made in Italy: 12 mld fatturato Dop e Igp, Italia leader mondiale

04/12/2013 - Sicurezza delle informazioni: Nuova ISO/IEC 27001:2013 i

03/12/2013 - Toscana 2014 - Bando per la costituzione e lo sviluppo di reti tra imprese

27/11/2013 - Vita-mina d’Impresa: il ricostituente aziendale

25/11/2013 - Tecnologia e internazionalizzazione fanno crescere le Pmi

20/11/2013 - Bando sicurezza sul lavoro per le PMI toscane

19/11/2013 - Le pmi creano più del doppio degli occupati rispetto alle realtà di maggiori dimensioni

15/11/2013 - COLDIRETTI, RECORD DI ESPORTAZIONI PER AGROALIMENTARE ITALIANO

14/11/2013 - Vietnam, nuova porta per Made in Italy su Sud Est asiatico

08/11/2013 - Le medie imprese traino della ripresa

08/11/2013 - Il falso 'Made in Italy' alimentare arriva dall'altra parte del mondo

05/11/2013 - Certificazione Halal: una sfida per conquistare nuovi clienti

31/10/2013 - La Cina fa shopping nel mondo

30/10/2013 - In Borsa le Pmi esportatrici volano (+45%): la pioggia di capitali cade sulle stelle dello Star

29/10/2013 - Cina, l'indice manifatturiero cresce più delle attese

28/10/2013 - BRASILE: LA ZES DI PECÉM, ISTITUITA NEL 2010, SARÀ IN GRADO DI AUMENTARE DEL 12% IL PIL DEL CEARÁ.

22/10/2013 - Le Pmi italiane stringono sul taglio dei costi e puntano sull'export

21/10/2013 - Meccanica italiana: nel 2013 calo dello 0,6%, ossigeno dall'export (+1,1%)

18/10/2013 - In Cina più auto premium, giù le luxury

17/10/2013 - Bene il Made in Italy: ad agosto l'export al +1,7% su mese, -4,4% su anno

14/10/2013 - Reti d'impresa, aiuti in arrivo

11/10/2013 - Bando per accesso al credito delle PMI

10/10/2013 - TAJANI, IL BRASILE RAPPRESENTA IL 43% DEGLI INVESTIMENTI UE IN AMERICA LATINA

09/10/2013 - Il made in Italy traina l'export, ma attenzione alle imitazioni

08/10/2013 - Brasile, terra promessa per architetti e ingegneri

01/10/2013 - Cesena, cresce l'export con le reti d'impresa: Aumenta la competitività

27/09/2013 - PMI E INTERNAZIONALIZZAZIONE: BINOMIO POSSIBILE?

24/09/2013 - LA CINA RIPRENDE QUOTA: LO YUAN VOLA SUI DATI DEI NUOVI ORDINI

20/09/2013 - Destinazione Italia, 50 misure per rilanciare gli investimenti esteri

18/09/2013 - SHANGHAI ALLARGA LA FREE TRADE ZONE

16/09/2013 - DISTACCO DEI LAVORATORI E CONTRATTO DI RETE

11/09/2013 - Reti d’Impresa soggetto: detassazione e agevolazioni

10/09/2013 - L'ascesa delle «multilatinas»

09/09/2013 - Pmi, a 4 su 10 prestiti negati dalle banche negli ultimi 12 mesi

06/09/2013 - Export: Coldiretti, volta cibo 'made in Italy' fuori Ue (+12%)

04/09/2013 - REATI CONTRO LA PRIVACY: ORA È PREVISTA ANCHE LA RESPONSABILITÀ AZIENDALE EX D.Lgs 231

02/09/2013 - L'INDIA FRENA, IL BRASILE ACCELERA

07/08/2013 - CCIAA di Mantova: Bando Ambiente e Sicurezza 2013

06/08/2013 - AUMENTA L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE RINNOVABILI

02/08/2013 - Sud Africa, nuove opportunità con Programma Bricst

01/08/2013 - VERSO LA ISO 9001:2015. LA POSIZIONE ITALIANA

30/07/2013 - Olio, il made in Italy che piace a Cina e Russia

29/07/2013 - Export italiano in Giappone conquista il primo posto

26/07/2013 - A FERRARA LE IMPRESE SI SALVANO CON LA 'RETE'

25/07/2013 - UN BANDO DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PER FAVORIRE L'EXPORT

22/07/2013 - AGROALIMENTARE, MADE IN ITALY SEMPRE PIÙ STRATEGICO

19/07/2013 - ICE: L’EXPORT RESISTE ALLA CRISI, BENE LE PMI

16/07/2013 - RILANCIARE IL MADE IN ITALY NEI MERCATI INTERNAZIONALI

15/07/2013 - RETI PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013

11/07/2013 - IN ARRIVO AGEVOLAZIONI PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE ALL'ESTERO

09/07/2013 - MADE IN ITALY, I 946 PRODOTTI CHE SALVANO L’ITALIA

08/07/2013 - PER IL MADE IN ITALY 25 NUOVI MERCATI

03/07/2013 - Quota quattromila per le reti d'impresa

02/07/2013 - IMPRESE, NUOVO ACCORDO CON LE BANCHE PER IL CREDITO

01/07/2013 - STRADE, ENERGIA E TLC: OPPORTUNITÀ IN ASIA PER PMI IN SINERGIA

28/06/2013 - Contributi per l’internazionalizzazione alle PMI romane

27/06/2013 - Certificazione etica per le imprese del parmense

26/06/2013 - INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI IN SERBIA

25/06/2013 - L'ITALIA PUO' FARE DI PIU' VERSO LA CINA E POTRA' SVOLGERE UN RUOLO SEMPRE PIU' IMPORTANTE PER MIGLIORARE LA QUALITA' DELLA VITA DEI CINESI.

24/06/2013 - SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI: IN ARRIVO LA REVISIONE DI ISO/IEC 27001 E ISO/IEC 27002

21/06/2013 - Resiste l'Europa, le esportazioni italiane tornano a crescere

19/06/2013 - LIBERO SCAMBIO USA-EUROPA, GLI EFFETTI IN ITALIA

18/06/2013 - INFRASTRUTTURE IN INDIA, MERCATO DA 500 MILIARDI

17/06/2013 - Reti d’Imprese: stabiliti gli sgravi fiscali 2013

14/06/2013 - FINANZIAMENTI IMPRESE DEL COMMERCIO DA PARTE DELLA CCIAA DI FIRENZE

14/06/2013 - ANCORA IN CRESCITA LE RETI DI IMPRESA

13/06/2013 - IMPRESA: LE BEST PRACTICE PER MIGLIORARE IMMAGINE E BUSINESS

11/06/2013 - IL MERCATO DEI BENI DI LUSSO IN BRASILE

10/06/2013 - DIRITTO ALLA PRIVACY IN AFFANNO

07/06/2013 - EUROPA NEL MIRINO DELLE PMI CINESI

05/06/2013 - Qualità e sicurezza -made in Cina-: la nuova sfida di Volvo parte da Chengdu

04/06/2013 - MAGLIE STRETTE SULLA 231

04/06/2013 - I giudici stringono le maglie della 231

03/06/2013 - CORRE IN ASIA L’ALIMENTARE ITALIANO

30/05/2013 - PROMOZIONE DEL VINO ITALIANO NEI PAESI TERZI

30/05/2013 - DVR OBBLIGATORIO PER TUTTE LE AZIENDE: SCADENZA 1 GIUGNO 2013

29/05/2013 - BRASILE, IL RILANCIO PUNTA SUI PORTI

28/05/2013 - DALL’ALIMENTARE AL TESSILE, ESEMPI (FORTUNATI) DI IMPRESE ITALIANE IN CINA

27/05/2013 - RATING DI LEGALITA’: COS’E’, A COSA SERVE E COME RICHIEDERLO

24/05/2013 - Focus PMI: il difficile rapporto banca impresa e l’internazionalizzazione

22/05/2013 - Incentivi lavoro: pronto il bonus assunzione per le aziende

21/05/2013 - Accordo Intesa Sanpaolo-Confindustria, 10 mld alle pmi

20/05/2013 - Contributi alle imprese femminili innovative in Toscana

17/05/2013 - Rinnovabili: fondo di garanzia in Toscana

16/05/2013 - BRASILE - ITALIA, IL FUTURO E' TRA PMI

15/05/2013 - Nuovi fondi per l’accesso al credito in Toscana

14/05/2013 - CHONGQING, IL CANTIERE DELLA CINA

09/05/2013 - I.R.I.P.® IMPATTI – RELAZIONI - INTERVENTI – POLITICHE

08/05/2013 - iBEP® - Il Break Even Point per l’internazionalizzazione

07/05/2013 - VITA-MINA D’IMPRESA® - Strumenti integrati di Knowledge Management per il risanamento e la crescita d’Impresa

30/04/2013 - GESTIRE LA CRESCITA: SPAZIO AI MANAGER

15/04/2013 - Il Brasile cerca investitori da Italia e Cina, in cambio offre esenzioni fiscali del 90%

10/04/2013 - RSI: l'indice delle Imprese Etiche

18/03/2013 - BOOM DI RETI D'IMPRESA PER I MERCATI ESTERI

04/03/2013 - L'anticorruzione complica i Modelli per la 231

12/02/2013 - Metropoli globali: San Paolo calamita di investimenti esteri

15/01/2013 - CHI VA NEI BRIC ESPORTA DI PIU'

28/12/2012 - INAIL - Incentivi Bando 2012

18/12/2012 - Il Modello 231 si allinea alla legge anticorruzione

05/12/2012 - Sempre più imprese scelgono la certificazione ISO 27001

24/11/2012 - HARVARD CALCOLA IL VALORE DELLA CSR

16/11/2012 - RETI DI IMPRESA ED IMPATTO SUL TERRITORIO

06/11/2012 - CONTRIBUTI CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO PER LA PRIMA CERTIFICAZIONE DI SISTEMA

16/10/2012 - CONTRIBUTI CAMERA DI COMMERCIO DI LUCCA PER LA PRIMA CERTIFICAZIONE DI SISTEMA

08/10/2012 - GESTIONE E SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI NELLE PMI

18/09/2012 - ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA: UNI 10891 OBBLIGATORIA DAL 17 SETTEMBRE 2012

12/09/2012 - Decreto 231, sequestro solo con gravi indizi

03/09/2012 - Societal Security Business Continuity Management Systems Requirements

30/08/2012 - Ampliati i reati 231 all'impiego di stranieri privi di permesso di soggiorno

09/08/2012 - L’Emilia Romagna fra responsabilità sociale e innovazione

07/08/2012 - Decreto 6 giugno 2012: aspetti sociali degli appalti pubblici

25/07/2012 - Con gli incentivi INAIL finanziati 4.316 progetti per mezzo miliardo di euro

29/06/2012 - LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D'IMPRESA NEL SETTORE ORAFO

25/06/2012 - SCALATA ANTONVENETA

14/06/2012 - Una 231 pigliatutto: confisca anche sul rappresentante

05/06/2012 - FINANZIAMENTI FINO ALL' 80 % PER L'IMPLEMENTAZIONE DEI SITEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

16/05/2012 - OBBLIGATORIETÀ DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI: PROROGA AL 31 DICEMBRE 2012

15/05/2012 - Sicurezza sul Lavoro: 1° luglio 2012 DVR obbligatorio per tutti i datori di lavoro – professionisti compresi

30/04/2012 - Illeciti sportivi: quale tutela per le Società di Calcio Professionistiche? L’art. 6 del DLgs 231/01 e l’art. 4 del Codice di Giustizia Sportiva

02/04/2012 - Responsabilità del Datore di Lavoro, mansioni indefinite e obbligo formativo

19/03/2012 - Stato della Città del Vaticano, antiriciclaggio e responsabilità amministrativa degli enti

08/03/2012 - Privacy: le semplificazioni in materia di dati personali

01/03/2012 - I SEI MOTIVI PER CUI LE IMPRESE DOVREBBERO ABBRACCIARE LA SOSTENIBILITÀ'

24/02/2012 - Semplificazione e certificazione

17/02/2012 - Il Bric raddoppia. Da quattro a otto paesi. Ecco i nuovi paesi ad alto potenziale di crescita

17/02/2012 - Un supporto alle Aziende per la gestione della crisi.

13/02/2012 - Modelli ex DLgs. 231/01 applicabili anche agli Studi Professionali

25/01/2012 - REGIONE TOSCANA 2012

29/12/2011 - INAIL : FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE

13/12/2011 - Moda: Gucci, firmati tre accordi di rete per aziende filiera

05/12/2011 - Lucca: Giurisprudenza ex DLgs 231/01

28/11/2011 - D.LGS. 231/01, SGSL E RECENTE GIURISPRUDENZA

28/10/2011 - Nuova edizione delle Linee Guida ISO 9001

18/10/2011 - Nasce la Iso 50001: primo standard internazionale di gestione dell’energia

12/10/2011 - DAL 9 OTTOBRE 2011 OBBLIGO DI ADOZIONE DEL SISTEMA QUALITÀ UNI ISO 9001 PER LE AZIENDE CHE EFFETTUANO IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI ROTTAMI METALLICI (FERRO; ACCIAIO; ALLUMINIO; ECC.)

23/09/2011 - Obbligo Certificazione ISO 9001 per i centri di trasformazione degli acciai per strutture metalliche, per strutture composte, per cemento armato, per cemento armato precompresso e per strutture in legno

15/09/2011 - The Bribery Act 2010

05/09/2011 - Torna il SISTRI

02/09/2011 - ADDIO DEFINITIVO AL SISTRI ?

04/08/2011 - DLgs 231/01 E LA DISCIPLINA PER LA TUTELA AMBIENTALE

14/07/2011 - Approvato in via definitiva il decreto sull'ambiente

06/07/2011 - RAPPORTO ANNUALE INAIL SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

22/06/2011 - MESSINA: LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA E I REATI COMMESSI DA AMMINISTRATORI

14/06/2011 - Legge n. 15/2011 Regione Abruzzo: modelli obbligatori per imprese partecipate o convenzionate con la Regione

30/05/2011 - Al via due bandi per innovazione, reti e neo-imprese

19/05/2011 - L'ARTICOLO 6 DEL DECRETO SVILUPPO: SEMPLIFICAZIONI DEGLI ADEMPIMENTI PRIVACY

16/05/2011 - MORTE SUL LAVORO, IMPUTATA ANCHE L’AZIENDA: DAL PM UNA RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO SENZA PRECEDENTI

10/05/2011 - Cassazione Penale: 231 applicabile anche all'impresa individuale

02/05/2011 - DA ENELPOWER A THYSSEN L’ARMA IN PIU’ DELLE PROCURE

21/04/2011 - AL MUSEO MAGI di Pieve di Cento (Bologna) il CARTESIO STUDIO ASSOCIATO incontra gli imprenditori sul tema:

11/04/2011 - RESPONSABILITA’ AMMINISTRATIVA DELLE IMPRESE E TUTELA AMBIENTALE: SI ALLARGA IL PANORAMA DEI REATI PREVISTI DAL DECRETO 231/01

24/03/2011 - DLGS 231/01 RESPONSABILITA’ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI

16/03/2011 - DLgs 196/03 CODICE PRIVACY

16/02/2011 - FINANZIAMENTI EUROPEI

01/02/2011 - CARTESIO STUDIO ASSOCIATO aderisce a RETE LEONARDO

15/12/2010 - FINANZA AGEVOLATA PER LE IMPRESE

18/11/2010 - Responsabilità Amministrative dell'Impresa. Il D.Lgs 231/01: la struttura, le differenze con il TU 81/08, le evoluzioni.

13/09/2010 - RESPONSABILITA' DELLE IMPRESE:

31/05/2010 - Cogliere le opportunità

17/05/2010 - Semplificazione dei controlli amministrativi

19/04/2010 - Decreto Legislativo 231/01: Ombrello, Cappio o Colabrodo?

27/11/2009 - Emergenza Economica e Garanzia di Continuità: viaggio attraverso un’ integrazione sostenibile

13/10/2009 - D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231: Ombrello, cappio o colabrodo?

25/09/2009 - Si amplia ancora la portata del 'decreto 231'

16/07/2009 - Testo Unico Sicurezza sul Lavoro

17/06/2009 - Pubblicazione dello standard SA 8000:2008

05/06/2009 - Amministratori di sistema: occorre massima trasparenza sul loro operato. Il Garante fissa i criteri,

27/04/2009 - Il Garante privacy vara procedure semplificate per le misure minime di sicurezza e la notificazione

24/03/2009 - Testo Unico della Sicurezza sul lavoro

16/02/2009 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI E PREVENZIONE DEI RISCHI

 

chi siamo - consulenza di direzione - staff - news - contatti - download - il nostro impegno - links - lavora con noi - privacy policy

Cartesio Studio Associato - Viale C. Castracani, 55 - 55100 Lucca - Tel. 0583.464482 - fax 0583.469229 - P.I. 02026980462 - info@cartesiostudio.it